Bettarello consegna maglia dei Barbarians al Museo del Rugby

museo_steelNel 1987 Stefano Bettarello entra ufficialmente del gotha delrugby mondiale. Nell’aprile di quell’anno riceve, infatti, la prima convocazione con i Barbarians e diventa il primo italiano ed il primo giocatore non appartenente alla quattro Unions Britanniche, al Sudafrica, alla Australia, alla Nuova Zelanda e alla Francia,  ad aver l’onore di indossare la maglia a righe bianco-nere. Il 19 aprile affronta e supera il Cardiff 33-24, due giorni dopo è a Swansea per il match contro il XV locale.

Il 19 aprile affronta e supera il Cardiff 33-24, due giorni dopo è a Swanseaper il match contro il XV locale. “Trattandosi del tradizionale tour di Pasqua, l’Easter Tour, che non prevedeva alcun test match” – ci spiega lo stesso Stefano – “la maglia non mi poté essere lasciata. Steele-Bodger (presidente dei Barbiarians RFC, ndr) mi donò la sua dicendomi “questa maglia è il ricordo che avrai di noi, noi siamo stati contenti di averti avuto”. L’anno dopo ricevetti la seconda convocazione con i Baa Baas”.

Stefano Bettarello lo scorso 14 settembre, in occasione della mostra allestita a Rovigo presso la Sala della Gran Guardia, ha donato al museo la maglia ricevuta da Steele-Bodger.

 

Annunci

Sconfitta al debutto per i leoni

img_0482MARCATORI: pt 12′ Di Bernardo p.; 14′ Biggar p.; 23′ Baldwin meta tr. Biggar; 35′ e 39′ Di Bernardo p.; st 6′ Di Bernardo p.; 10′ Biggar drop; 16′ John meta; 22′ Biggar drop; 26′ Favaro meta tr. Di Bernardo; 32′ Biggar p.;

BENETTON TREVISO: Williams (st 20′ Loamanu); Nitoglia, Morisi, Sgarbi, McLean; Di Bernardo, Semenzato (st 26′ Botes); Barbieri (st 26′ Filippucci), Zanni, Vosawai (st 7′ Favaro); Bernabò (st 33′ Budd), Pavanello; De Marchi (st 20′ Fernandez-Rouyet), Ghiraldini, Rizzo (st 10′ Cittadini). A disp.: Maistri. All. F. Smith.

OSPREYS: Fussell; John, Bishop, Beck, Walker; Biggar, Tebaldi (st 26′ Grabham); Bearman, Lewis, T. Smith; King, R. Jones (st 7′ Evans); Rees (st 10′ A. Jones), Baldwin (st 20′ Hibbard), Bevington (st 20′ D. Jones). A disp.: Allen, Morgan, Hassler. All. Tandy.

ARBITRO: Paterson della Federazione Scozzese.

NOTE: pt 9-10; spettatori: 4981; cartellino giallo a: Bishop (pt 11′), Ghiraldini (pt 22′); RaboDirect Man of the Match: Dan Biggar (Ospreys); calciatori: Benetton Treviso 5/6 (Di Bernardo 5/6), Ospreys 3/5 (Biggar 3/5); punti in classifica: Benetton Treviso 1, Ospreys 4.

Sconfitta di misura con bonus difensivo, tanto cuore, ma anche sfortuna per il Benetton Treviso al debutto nella sua quarta stagione di RaboDirect PRO12.

La prima occasione per andare a punti ce l’ha il Benetton, con Alberto Di Bernardo che prova un drop dai trenta metri, ma senza fortuna al 9′. Beto comunque si fa perdonare tre minuti più tardi, sfruttando al meglio le mani in ruck di Bishop, che rimedia anche un cartellino giallo.
Nemmeno il tempo di esultare che subito gli Ospreys pareggiano con il cecchino Biggar, che con questi tre punti diventa il secondo miglior marcatore di sempre della competizione. Dopo il primo quarto di gara, le cose si complicano per Antonio Pavanello e compagni.  Alcuni falli in maul portano l’arbitro Paterson ad estrarre il secondo cartellino giallo, stavolta ad indirizzo di Leonardo Ghiraldini.

Gli Ospreys scelgono ancora touch e drive e arrivano oltre la linea con il tallonatore Baldwin. Biggar trasforma per il 3-10.

Alla mezz’ora, Alberto Di Bernardo ha l’occasione di riportare più sotto i suoi, ma il suo tentativo di calcio piazzato termina sul palo esterno e fuori.  Il mediano di apertura ha, però, l’occasione di rifarsi al 35′ e non la fallisce portando i suoi a -4. Lo stesso Di Bernardo ad un minuto dalla fine livella ulteriormente il divario con un piazzato centrale che porta le squadre al riposo sul 9-10.  La ripresa si apre nel migliore dei modi con i Leoni che attaccano con Brendan Williams e conquistano un calcio di punizione che porta al sorpasso per 12-10.

Vantaggio che, tuttavia, dura poco. Dan Biggar sfrutta al meglio un vantaggio e piazza un drop millimetrico per riportare i suoi a +1. Le cose peggiorano al 16′ con un calcio alto in box che trova mal posizionato Luke McLean, ma prontissima l’ala John, che controlla in due tempi l’ovale e schiaccia in meta. Biggar continua nella serata di grazia, mettendo il secondo drop di serata per il 12-21. Il Benetton ci mette un po’, ma si riprende attorno al 25′, quando decide di mandare in touch un calcio di punizione.

Il maul avanza e Simone Favaro può schiacciare oltre la linea di meta. Di Bernardo trasforma per il -2. Biggar a dieci dalla fine rovina la sua media, ma un attimo dopo centra nuovamente i pali con il parziale che va sul 19-24. Momento di passione alla fine della partita. Il Benetton sfrutta due calci in touch per il maul, che sembra essere fatto crollare ad un passo dalla meta. Non è dello stesso avviso l’arbitro che lascia giocare e allora Treviso ragiona per fasi fino ad arrivare oltre la linea con Christian Loamanu che, però, perde palla in avanti al momento di schiacciare. I Leoni ci provano a togliere una vittoria agli Ospreys, ancora una volta nel finale, ma il risultato non cambia e i gallesi portano a casa i primi quattro punti. Per il Benetton arriva il bonus.

Rugby 2014, in Libreria il nuovo annuario Pacitti/Volpe

Rugby 2014E’ in uscita in libreria “Rugby 2014”, la nuova edizione dell’annuario ovale curato da Paolo Pacitti e Francesco Volpe, due tra le firme storiche del panorama rugbistico italiano.

L’edizione 2014, totalmente rinnovata, con foliazione aumentata di ottanta pagine e per la prima volta interamente a colori e con un’ampia documentazione fotografica, rende omaggio in copertina ad Andrea Lo Cicero, il pilone catanese ritiratosi lo scorso 16 marzo dopo 103 caps in azzurro.

La pubblicazione, come sempre, propone ampie sezione statistiche dedicate alla Nazionale, al RaboDirect PRO12, all’Eccellenza ed al rugby mondiale ed è acquistabile al prezzo di copertina di 22€ nei tradizionali punti vendita di Roma (Pagine di Sport), Milano (Libreria dello Sport), Treviso (libreria Canova), Rovigo (edicola De Marchi) e L’Aquila (libreria Colacchi).

E’ inoltre disponibile l’ebook, scaricabile dal link sottostante al prezzo di 14€

Quattro le sfide della prestagione delle Zebre che parte il 1 Luglio alla Cittadella del Rugby di Parma

Tour-png-400x330

Archiviata la prima stagione agonistica della neonata franchigia delle Zebre Rugby, per la formazione bianconera è già tempo di programmazione degli impegni dell’estate alle porte in vista della preparazione alla nuova stagione di RaboDirect PRO12 ed Heineken Cup. Se per la più prestigiosa coppa europea per club Heineken Cup – che vedrà le Zebre affrontare Tolosa, Saracens e Connacht- bisognerà aspettare il 12 Ottobre, il campionato celtico prenderà il via tra tre mesi, il primo weekend di Settembre, una settimana più tardi rispetto alla stagione appena conclusa.

Tre mesi dunque dividono la nuova rosa bianconera e l’esordio ufficiale della stagione 2013/2014, mesi che vedranno vecchi e nuovi giocatori della rosa allenarsi nella casa del rugby parmigiano : la Cittadella del Rugby. Mentre alcuni effettivi sono già al lavoro per effettuare test fisici e lavoro personalizzato, il raduno ufficiale del gruppo è fissato tra 15 giorni, il 1 Luglio 2013. Agli ordini del nuovo staff tecnico che sarà presentato nelle prossime settimane mancheranno però i molti nazionali che sono impegnati in queste settimane con la nazionale maggiore in nel tour di tre incontri in Sudafrica e con la nazionale emergenti alla IRB Nations Cup in Romania.  Il gruppo al completo si ritroverà due settimane più tardi il 15 Luglio, 10 giorni prima della partenza per la Francia dove le Zebre proseguiranno il lavoro di preparazione fisica e tattica condito da tre amichevoli contro formazioni transalpine. Come la scorsa estate la società ha accettato l’invito degli organizzatori del Vaquerin Challenge della zona dell’Aveyron per disputare la XX edizione del prestigioso torneo, storica importante vetrina per le formazioni francesi a poche settimane dal via dei campionati professionistici transalpini al quale prenderanno parte le formazioni del TOP14 di Brive, Castres, Clermont, Montpellier ed Oyonnax, diverse squadre del PROD2 e anche gli irlandesi del Connacht. Le Zebre cercheranno di mantenere la loro imbattibilità nel torneo intitolato ad Armand Vaquerin, pilone sinistro francese con 26 presenze in nazionale, campione di Francia per ben 10 volte dal 1971 al 1984 con la formazione del Béziers prematuramente scomparso nel 1993 a soli 42 anni. La scorsa estate i bianconeri allenati da Christian Gajan sconfissero lo Stade Aurillacois a Camarès il 5 Agosto per 33-24 imponendosi poi anche contro gli inglesi Northampton Saints per 30-28 la settimana successiva a Millau finendo a pari punti in classifica col Castres e con l’Albi. La vittoria del torneo andò ai futuri campioni di Francia del Castres per differenza mete.

L’esordio nella nuova edizione del torneo avverrà sabato 27 Luglio a Millau contro lo Stade Aurillacois, formazione che ha assolutamente ben figurato nell’ultimo campionato di PROD2 arrivando ai playoff sconfitta da 30-14 in semifinale dall’altra promossa in TOP14, il Brive. Il secondo ed ultimo impegno nel Challenge dell’Aveyron francese sarà invece contro un’altra formazione di PROD2: ilBèziers caro a Vaquerin. La sfida è programmata per sabato 3 Agosto a Camarès.

Le Zebre alloggeranno nella cittadina di Saint-Affrique che già ha ospitato i bianconeri la scorsa estate.

Il programma del XX torneo Vaquerin Challenge :

Venerdì 26 Luglio- Saint Affrique (Francia)

Ore 18.00 : Albi Vs avversario da definire

Ore 20.00: Montpellier Vs Brive

Sabato 27 Luglio – Millau (Francia)

Ore 18.00 : Stade Aurillacois Vs Zebre Rugby

Ore 20.00 : ASM Clermont-Auvergne Vs Oyonnax

Sabato 3 Agosto – Camarés (Francia)

Ore 16.00 : Béziers Vs Zebre Rugby

Ore 18.00 : Montpellier Vs Grenoble

Venerdì 9 Agosto – Lacaune (Francia)

Ore 16.00 : Stade Aurillacois Vs Albi

Ore 18.00 : Castres  Vs Connacht

 

La terza ed ultima sfida francese si terrà invece venerdì 9 Agosto alle 18.00 a Issoire, 230 km più a nord -nell’Auvergne- a 35 chilometri da Clermont-Ferrand per la nona edizione del Challenge Auvergne. L’avversario di turno sarà la formazione francese del Tarbes anch’essa facente parte delle parti alte della classifica dell’ultimo campionato di PROD2: sesta posizione finale per i pirenaici nella stagione appena conclusa. Al termine della sfida sullo stesso campo la grande serata ovale proseguirà alle 20.00 con la sfida tra ASM Clermont-Auvergne e la formazione inglese dei London Wasps. Il ritorno in Italia è previsto nella notte.

Il calendario delle gare di preparazione alla prossima stagione si concluderà una settimana prima dell’esordio nella RaboDirect PRO12 quando le Zebre faranno visita alla formazione del campionato Eccellenza italiano e della Amlin Challenge Cup del Rugby Calvisano. La sfida è prevista per venerdì 30 Agosto al Peroni Stadium della cittadina bresciana.

Aggregati sei giocatori dall’eccellenza invitati dallo staff tecnico

Marcato-e-Visentin Ultimo giorno di fatiche della prima settimana di raduno collettivo per le Zebre Rugby che hanno svolto il lavoro fisico e tecnico divise tra la palestra dello SportCenter ed i campi della Cittadella del Rugby di Parma. Il nuovo staff tecnico ha potuto così cominciare il lavoro per la prossima stagione agonistica che vedrà il primo impegno ufficiale tra due mesi esatti il primo weekend di Settembre con l’esordio nella seconda stagione celtica dei bianconeri. All’appello tra i giocatori della rosa 2013/2014mancano ancora gli undici nazionali convocati con l’Italia per l’ultimo tour Sudafricano più Paolo Buso alle prese con la riabilitazione dell’infortunio subito al termine della scorsa stagione, mentre sono stati invitati a svolgere il lavoro di preparazione pre-stagionale alcuni giocatori provenienti dal campionato Eccellenza che si sono messi a disposizione dello staff tecnico diretto da Andrea Cavinato. Alcuni di essi sono giovani promettenti d’interesse futuro per le Zebre come la terza linea Edoardo Ruffolo (la scorsa stagione a I Cavalieri Prato, classe ‘91), il tallonatore Giovanni Scalvi (Rugby Reggio, classe ’92), l’ala Michele Visentin (Rugby Calvisano, classe ‘91) e l’utility back Simone Ragusi (Rugby Rovigo, classe ’92) che ha già assaggiato l’ambiente della franchigia federale nella scorsa stagione durante il periodo del Sei Nazioni 2013 mancando però l’esordio nel campionato celtico. Quest’ultimo, impegnato con la nazionale Emergenti nell’ultima Nations Cup persa in finale dagli azzurri contro la Romania a Bucarest lo scorso 16 Giugno si aggregherà al gruppo bianconero lunedì prossimo 8 Luglio. Insieme a loro lavorano anche due giocatori d’assoluta esperienza che si sono messi in luce nell’ultimo massimo campionato italiano quali il mediano di mischia trevigiano Nicola Benetti (Fiamme Oro, classe ’84) e l’apertura padovana Andrea Marcato (la scorsa stagione al Rugby Calvisano, classe ’83). Il numero nove del gruppo sportivo della Polizia di Stato è stato votato come miglior giocatore dello scorso campionato Eccellenza e secondo tra i marcatori del torneo con 229 punti segnati mentre per Marcato parlano i 5 scudetti vinti in carriera ed i 16 caps con la maglia azzurra guadagnati tra il 2006 ed il 2009 quando vestiva la maglia del Benetton Treviso.

Il direttore sportivo Roberto Manghi :”Abbiamo invitato questi atleti a cominciare la preparazione alla stagione 2013/2014 con le Zebre: ringrazio la Federazione, le società d’appartenenza ed i giocatori per la loro disponibilità. Dal primo giorno di lavoro abbiamo un numero consistente di atleti per cominciare al meglio a preparare le sfide che ci attendono la prossima stagione. Ci sono alcuni giovani di sicura prospettiva futura e giocatori d’esperienza che hanno meritato questa opportunità. Benetti ha fatto molto bene l’anno scorso e Marcato potrebbe rappresentare una soluzione in più nel ruolo di apertura per la nostra rosa. Probabilmente durante le finestre dei test match autunnali e del Sei Nazioni 2014 ci saranno le occasioni per avere dei permit players come successo la scorsa stagione quando abbiamo fatto esordire nel PRO12 Bacchetti, Castagnoli e Palazzani”.

Dopo il weekend di riposo la squadra si ritroverà per continuare la preparazione lunedì prossimo 8 Luglio 2013: primo test estivo il 27 Luglio a Millau (Francia) contro la formazione del secondo campionato professionistico francese -PROD2- dell’Aurillac valida come prima sfida dei bianconeri al Vaquerin Challenge 2013.

 

VEA FEMI-CZ: Mirco Bergamasco arruolato nei bersaglieri

image001-1La Rugby Rovigo Delta comunica ufficialmente che il Presidente Zambelli e il top player Mirco Bergamasco hanno raggiunto un accordo sportivo per la prossima stagione. Il giocatore con sua moglie Ati Safavi sta già organizzando il trasloco da Parigi, che presumibilmente avverrà nei prossimi giorni. La conferenza stampa congiunta è fissata per il giorno 22 luglio alle ore 11.00 presso lo stadio M. Battaglini.

La Fir piange Rocco Caligiuri, addio all’azzurro n.244

RUGBY 6 NAZIONI ITALIA v FRANCIAIl Presidente Alfredo Gavazzi, il Consiglio tutto e gli atleti della Squadra Nazionale rientrati oggi in Italia dal tour estivo in Sudafrica hanno appreso con profonda tristezza della scomparsa di Rocco Caligiuri, avvenuta ieri sera a Roma. Caligiuri, da tempo malato, si è spento all’età di sessantatré anni. Storico estremo e numero dieci della Nazionale, aveva esordito in azzurro a diciannove anni contro la Francia A1 a Catania nell’autunno del 1969 rappresentando il proprio Paese in ventisei occasioni (trentuno i punti realizzati).

Duecentotrentasei le apparizioni con la maglia bianconera della Rugby Roma, unico club della carriera agonistica di Caligiuri che nel club capitolino ha militato ininterrottamente dal 1965 al 1980.

Grande piazzatore, dotato di un calcio sinistro sorprendentemente potente, ha detenuto a lungo il record del maggior numero di drop realizzati in una singola partita internazionale: raccontava con orgoglio di quella gara giocata all’Ellis Park di Johannesburg l’11 luglio del 1973, nel corso del primo grande tour azzurro nell’Emisfero Sud, in cui aveva realizzato tre drop contro i Golden Lions, un primato rimasto a lungo imbattuto e, per parte italiano, eguagliato dal solo Diego Dominguez ventisette anni dopo al Flaminio quando l’Italia superò la Scozia per 34-20 nel match inaugurale del 6 Nazioni.

Concluso l’attività agonistica, Caligiuri aveva intrapreso con successo la carriera di ristoratore dando vita ad alcuni ristoranti nella Capitale divenuti luogo di ritrovo dei rugbisti locali. Spesso, durante i raduni romani per il 6 Nazioni, anche gli atleti della Nazionale, trascorrevano in uno dei ristoranti fondati da Caligiuri la serata libera settimanale, sempre accolti con il calore e la simpatia che erano tratti portanti del carattere di Rocco.

Il 3 febbraio scorso, all’Olimpico di Roma, Caligiuri aveva partecipato alla cerimonia di consegna dei caps in occasione della prima giornata del Torneo 2013, cantando l’inno a bordo campo insieme agli Azzurri del passato, insieme a tanti vecchi compagni di squadra, per poi gioire insieme a loro ed al XV di Brunel per quella vittoria sulla Francia che a quelli della sua generazione era sempre sfuggita: non avrebbe potuto sperare in commiato migliore.

Alla famiglia Caligiuri vanno le condoglianze del Presidente Gavazzi, del Consiglio FIR, dello staff della Nazionale e di tutta la Federazione.

Le esequie verranno celebrate domani, martedì 26 giugno, alle ore 10.30 a Roma presso la Parrocchia San Saturnino Martire ( Via Avigliana, 3).

L’Italia emergenti batte i Jaguars argentini 26-6 nel primo turno di Nations Cup

newsletterL’Italia Emergenti centra una vittoria convincente contro l’Argentina Jaguars, imponendosi per 26-6 nella prima giornata della IRB Nations Cup di Bucarest.

La rappresentativa cadetta, guidata da Andrea Sgorlon e capitanata da Andrea De Marchi, costruisce il successo nei primi quaranta minuti di gioco con una doppietta di Ruffolo – splendida percussione in seconda fase prima, palla recuperata da punto d’incontro e break in mezzo ai pali per la seconda marcatura – e con la solida prestazione al piede del numero dieci James Ambrosini, autore di sedici punti con due trasformazioni, tre piazzati ed un drop.

Mercoledì nella seconda giornata della Nations Cup l’Italia Emergenti sfiderà la prima squadra della Russia.

“Spirito giusto, ottima conquista, palloni veloci: il primo tempo è stato brillante, siamo soddisfatti del gioco espresso e della vittoria” ha detto a fine gara il tecnico Andrea Sgorlon.

“Abbiamo dominato per quaranta minuti, nel secondo tempo ci siamo fatti un poco prendere dalla frenesia, commettendo qualche errore di troppo e faticando a entrare nei loro ventidue. Ora dobbiamo da subito concentrarci sulla gara di mercoledì contro la Russia che oggi, pur battuta (30-20 ndr) ha fatto vedere ottime cose contro la Romania, pagando la minore esperienza internazionale rispetto agli avversari”.

Questo il tabellino del match:

Bucarest, Stadium “Arcul de Triumf” – sabato 8 giugno

IRB Nations Cup, I giornata

Argentina Jaguars v Italia Emergenti 6-26

Marcatori: p.t. 10’ m. Ruffolo tr. Ambrosini (0-7); 13’ cp. Poet (3-7); 15’ drop Ambrosini (3-10); 20’ m. Ruffolo tr. Ambrosini (3-17); 39’ cp. Ambrosini (3-20); 41’ cp. Poet (6-20); s.t. 7’ cp. Ambrosini (6-23); 40’ cp. Ambrosini (6-26)

Argentina Jaguars: Taboada; Masera, Brex, Estelles, Barrea; Poet, Imhoff; Bruno (cap), Chiappesoni, Ortega; Alemanno, Fruttero; Herrera, Marchetti, Tejerizo

altri entrati: Chaparro, Manso, Borghi, Ahaulli de Chazal, Alcacer-Mackinlay, Bonilla, Dan

all. Hourcade/Bergamaschi

Italia: Trevisan (19’ pt. Ragusi); Castagnoli, Bisegni (7’ pt. McCann), Pratichetti A., Morsellino; Ambrosini, Bronzini (20’ st. Palazzani); Cicchinelli (32’ st. Caffini), Ferrarini, Ruffolo; Fuser, Van Vuren; Chistolini (10’-39’ st. Ceccarelli), D’Apice (20’ st. Maistri), De Marchi An. (cap)

all. Sgorlon

arb. Patterson (Scozia)

Cartellini: 23’ pt. giallo McCann (Italia), 6’ st. Marchetti (Argentina), 38’ st. giallo Van Vuren (Italia)

 

Italia, Brunel annuncia il XV che affronta il South Africa

newsletterJacques Brunel, Commissario Tecnico della Nazionale Italiana Rugby, ha ufficializzato la formazione che sabato 8 giugno alle ore 17.15 affronterà il Sudafrica al Kings Park di Durban nel turno inaugurale delle Castle Lager Series 2013.

L’incontro verrà trasmesso in diretta da Sky Sport 2.

Per la gara che inaugura la finestra internazionale di giugno, ultima tappa di una stagione 2012/2013 caratterizzata dal quarto posto nell’RBS 6 Nazioni con le vittorie su Francia ed Irlanda, Brunel presenta alcune novità, ritrova alcuni atleti rimasti ai margini del Torneo per scelta tecnica o per problemi fisici e apporta complessivamente sette cambi alla formazione che il 16 marzo scorso ha superato per 22-15 il XV in verde allo Stadio Olimpico di Roma.

Ennesima conferma per il triangolo allargato con Masi estremo e la coppia d’ali Venditti-McLean che conservano il posto da titolari avuto per l’intero Torneo mentre è inedita per la Nazionale la coppia di centri tutta trevigiana composta da Alberto Sgarbi, al rientro dopo l’infortunio alla gamba subito nelle ultime battute della gara contro la Francia, e dal giovane Luca Morisi che contro gli Springboks è titolare in azzurro per la seconda volta in carriera e conquista il suo terzo cap.

Alla prima convocazione con la Nazionale, dopo una brillante stagione in RaboDirect PRO12 con la Benetton, Alberto Di Bernardo è chiamato ad un debutto incandescente sulla scena internazionale: a trentatré anni, la maglia numero dieci dell’Italia arriva per la prima volta sulle spalle dell’apertura nata a Rosario in occasione della sfida alla seconda forza del ranking IRB.

Ad affiancarlo in cabina di regia Edoardo Gori, che a soli ventitré anni taglia il traguardo delle venticinque presenze in Nazionale.

La terza linea è quella protagonista della partita di Twickenham contro l’Inghilterra con Sergio Parisse in maglia numero otto alla quarantanovesima volta da capitano azzurro, affiancato da Robert Barbieri e da Alessandro Zanni che scende in campo nel suo quarantanovesimo test-match consecutivo.

In seconda linea, dopo un anno esatto di assenza, torna il veterano ed ex capitano dell’Italia Marco Bortolami, infortunatosi ad una spalla lo scorso 9 giugno a San Juan contro l’Argentina e fa coppia per la prima volta dal calcio d’inizio con il leader della Benetton Treviso, Antonio Pavanello.

In prima linea Brunel si affida a Lorenzo Cittadini  sul lato destro per una sfida con “The Beast” Mtawarira destinata ad accendere l’entusiasmo dei tifosi, conferma Leonardo Ghiraldini come prima scelta a tallonatore e lancia dall’inizio ed Alberto De Marchi, chiamato a raccogliere  l’eredità del “Barone” Andrea Lo Cicero.

In panchina Brunel sceglie, per garantirsi adeguato ricambio nella sfida contro la corazzata verdeoro,  cinque avanti – il tallonatore Giazzon, i Aguero e Castrogiovanni, il seconda linea Bernabò e Furno capace di giocare tanto in seconda linea che coprire il ruolo di flanker – optando per una mediana di riserva completa (Botes-Orquera) ed un trequarti ecclettico in grado di offrire ricambio a tutta la linea come Iannone.

Arbitra il francese Gauzere, che dirige l’Italia per la prima volta in carriera. E’ l’undicesimo confronto tra Italia e Sudafrica, con bilancio pienamente favorevole agli Springboks.

15 Andrea MASI (London Wasps, 77 caps)

14 Giovanbattista VENDITTI (Zebre Rugby, 14 caps)*

13 Luca MORISI (Benetton Treviso, 2 caps)*

12 Alberto SGARBI (Benetton Treviso, 24 caps)

11 Luke MCLEAN (Benetton Treviso, 46 caps)

10 Alberto DI BERNARDO (Benetton Treviso, esordiente)

9 Edoardo GORI (Benetton Treviso, 24 caps)*

8 Sergio PARISSE (Stade Francais, 95 caps) – capitano

7 Robert BARBIERI (Benetton Treviso, 28 caps)

6 Alessandro ZANNI (Benetton Treviso, 74 caps)

5 Marco BORTOLAMI (Zebre Rugby, 94 caps)

4 Antonio PAVANELLO (Benetton Treviso, 18 caps)

3 Lorenzo CITTADINI (Benetton Treviso, 21 caps)

2 Leonardo GHIRALDINI (Benetton Treviso, 53 caps)

1 Alberto DE MARCHI (Benetton Treviso, 9 caps)

a disposizione

16 Davide GIAZZON (Zebre Rugby, 10 caps)

17 Matias AGUERO (Zebre Rugby, 17 caps)

18 Martin CASTROGIOVANNI (Leicester Tigers, 95 caps)

19 Valerio BERNABO’ (Benetton Treviso, 19 caps)

20 Joshua FURNO (Narbonne, 8 caps)*

21 Tobias BOTES (Benetton Treviso, 13 caps)

22 Luciano ORQUERA (Zebre Rugby, 33 caps)

23 Tommaso IANNONE (Benetton Treviso, 1 cap)

*è/è stato membro dell’Accademia FIR “Ivan Francescato” di Tirrenia

Zar-X Sports è il nuovo sponsor e fornitore delle divise ufficiali delle Zebre Rugby

Zebre_ZAR-X_SPORTS_loghiLa franchigia italiana di RaboDirect PRO12 ed Heineken Cup delle Zebre è lieta di annunciare l’accordo con il nuovo sponsor nonché fornitore tecnico delle divise da gioco : ZAR-X SPORTS.

ZAR-X SPORTS è un brand inglese di base a Bristol. Lanciata ufficialmente da pochi mesi, l’azienda è  specializzata nella fornitura dell’abbigliamento tecnico e da riposo del rugby. ZAR-X SPORTS nasce dall’esperienza trentennale di professionisti dell’ambito delle forniture e vendite in licenza del materiale tecnico delle aziende sportive più conosciute a livello mondiale.

Dopo aver raggiunto l’accordo di fornitura con la nazionale Israeliana ed il prestigioso club del Bristol Rugby, ZAR-X SPORTS sbarca sul mercato italiano e sui più prestigiosi palcoscenici del rugby europeo grazie alle ZEBRE.

ZAR-X SPORTS sarà fornitore tecnico delle divise da gioco e da allenamento della nuova franchigia italiana a partire dalla stagione 2013/2014, divise che verranno progettate e disegnate direttamente dall’azienda inglese che vanta uffici commerciali in Canada, Stati Uniti ed Hong Kong.

Le parole del direttore generale di ZAR-X SPORTS Brad George :”Siamo lieti di poter lavorare a fianco delle Zebre Rugby; entrambi abbiamo una grande ambizione e siamo sicuri della bontà della partnership. Siamo impazienti di cominciare la prossima stagione”. Condivide la soddisfazione anche il direttore commerciale dell’azienda inglese Jason Say-Ludlow :”Siamo entusiasti di questo accordo biennale che ci permetterà così di entrare nel mercato italiano. Il nostro obiettivo è diventare un brand mondiale, pensiamo che le Zebre possano giocare una grande parte grazie alla loro presenza in campionati di assoluto livello come la RaboDirect PRO12 e l’Heineken Cup”.

Il nuovo kit da gara delle Zebre Rugby, sviluppato dal brand, sarà presentato durante l’estate 2013. L’accordo stipulato avrà la durata di due stagioni.Il claim di ZAR-X SPORTS è “forza nella prestazione”.