Archivi Blog

Cinque cambi nel XV per sfidare Treviso, Mauro Bergamasco in panchina

Domani sera alle 19 (diretta su RaiSport 2) gli Aironi tornano a giocare allo Zaffanella di Viadana 48 giorni dopo l’ultima apparizione, quella del 5 novembre contro Glasgow.

Tempo di feste e, come già accaduto nella passata stagione, per il RaboDirect PRO12 è anche tempo di derby. Aironi e Treviso si troveranno dunque di fronte domani sera e replicheranno poi a Monigo sabato 31.

Per la sfida di domani sera coach Rowland Phillips ed il suo staff (ancora ieri il presidente Silvano Melegari ha ribadito che non ci saranno cambiamenti fino al termine della stagione bollando come invenzioni giornalistiche tutte le voci uscite nell’ultima settimana) hanno deciso cinque cambiamenti nella formazione titolare rispetto alla squadra scesa in campo sabato scorso a Monza contro Ulster.

La linea dei trequarti sarà quella che è andata a segno tre volte nel secondo tempo sabato scorso, con Andrea Masi estremo (prima da titolare in questa stagione nel ruolo), Sinoti Sinoti e Giovanbattista Venditti alle ali e la coppia di centri formata da Gabriel Pizarro e Roberto Quartaroli.

Altra novità è la mediana tutta italiana, con Luciano Orquera all’apertura a fianco di Tito Tebaldi.

Immutate sia la terza linea (con Josh Sole numero 8 e Nicola Cattina e Simone Favaro flanker) che la seconda (formata da Marco Bortolami e Quintin Geldenhuys), nel pacchetto di mischia cambiano invece entrambi i piloni. A destra partirà Fabio Staibano e a sinistra ci sarà Alberto De Marchi, sempre con Fabio Ongaro tallonatore.

Prima convocazione per Mauro Bergamasco, che partirà dalla panchina assieme a Roberto Santamaria, Andrea De Marchi, Luca Redolfini, Filippo Ferrarini, Giorgio Bronzini, Naas Olivier e Alberto Benettin.

La lista degli indisponibili per infortunio si è allungata negli ultimi giorni con George Biagi, che ne avrà per un paio di mesi dopo l’infortunio al ginocchio rimediato sabato scorso contro Ulster, e Tyson Keats, fermo per un colpo alla testa. I due si aggiungono a Nick Williams, Kaine Robertson e Paolo Buso – in recupero dalle rispettive operazioni – e a Joshua Furno, che dovrebbe rientrare la prossima settimana dopo la botta subita nel corso del raduno azzurro, e a Frans Viljoen, costretto ai box ancora per un paio di settimane.

AIRONI: 15 Andrea Masi; 14 Sinoti Sinoti, 13 Roberto Quartaroli, 12 Gabriel Pizarro, 11 Giovanbattista Venditti; 10 Luciano Orquera, 9 Tito Tebaldi; 8 Josh Sole, 7 Simone Favaro, 6 Nicola Cattina; 5 Marco Bortolami (cap), 4 Quintin Geldenhuys; 3 Fabio Staibano, 2 Fabio Ongaro, 1 Alberto De Marchi.

A disp.: 16 Roberto Santamaria, 17 Andrea De Marchi, 18 Luca Redolfini, 19 Filippo Ferrarini, 20 Mauro Bergamasco, 21 Giorgio Bronzini, 22 Naas Olivier, 23 Alberto Benettin. All.: Rowland Phillips.

Arbitro: Carlo Damasco

 

I BIGLIETTI PER DOMANI

Domani, giorno della partita, la biglietteria dello Zaffanella sarà aperta dalle ore 16.

Questi i prezzi:

Tribuna Eni e Tribuna Nord: 10 euro (ridotto 5 euro, riservato a ragazzi dai 9 ai 17 anni e agli Over 70)

Tribuna Ovest: 20 euro

Tribuna Vip: 50 euro

LE MAGLIE IN VENDITA PER AIBWS

Domani gli Aironi giocheranno con una maglia creata apposta per l’occasione. Sulla divisa bianca con le strisce azzurre ci sarà il logo di AIBWS Onlus, a cui sarà devoluto l’incasso della vendita delle magliette stesse.

Le divise da gioco verranno infatti autografate dai giocatori che le hanno indossate nel corso del match e saranno vendute al prezzo di 120 euro (comprese le spese di spedizione). Chi le vorrà acquistare dovrà mandare una mail all’indirizzo web@aironirugby.eu indicando tutti i suoi dati oltre al numero della maglia desiderata.

Tutto il ricavato andrà a finanziare il “Progetto Aironi” con cui AIBWS punta a formare centri di diagnosi e cura su tutto il territorio italiano per poter offrire ai piccoli pazienti affetti dalla Sindrome di Beckwith-Wiedemann lo stesso approccio terapeutico offerto dai grandi centri, evitando così i cosiddetti “viaggi della speranza”.

“Progetto Aironi”: presentate le maglie speciali del derby

Durante il pranzo di Natale che ha riunito squadra e staff societario nell’area hospitality dello stadio Zaffanella, il presidente Silvano Melegari assieme a Monica Bertoletti e Francesca Lafelli, rispettivamente presidente e vicepresidente di AIBWS Onlus, hanno presentato le maglie realizzate appositamente per i due derby contro Treviso.

Il logo dell’Associazione Italiana Sindrome di Beckwith-Wiedemann campeggerà al centro delle divise da gioco bianche che gli Aironi utilizzeranno venerdì sera allo stadio Zaffanella (calcio d’inizio alle ore 19) e che verranno autografate dal giocatore che le indosserà e potranno successivamente essere acquistate dai tifosi al prezzo di 120 euro (comprese le spese di spedizione). Per acquistare la maglia basterà inviare una mail all’indirizzo web@aironirugby.eu indicando il nome del giocatore ed il conseguente numero di maglia desiderato ed i propri dati (nome, cognome, data di nascita, indirizzo e contatti mail o telefonici). Essendo una vendita libera, il primo che richiederà un numero di maglia se lo aggiudicherà.

Tutto il ricavato andrà a sostenere il “Progetto Aironi”, che prende il suo nome proprio dalla franchigia rugbystica. “In famiglia c’erano già grandi tifosi degli Aironi, come mio marito – spiega la presidentessa Monica Bertoletti -. Ma nello studiare questo progetto abbiamo guardato la dislocazione sulla cartina di Milano dei vari istituti provinciali che si occupano della sindrome, e unendo i vari punti abbiamo ottenuto una figura che a noi ricordava un airone”.

Con il “Progetto Aironi”, AIBWS punta a formare centri di diagnosi e cura su tutto il territorio italiano per poter offrire ai piccoli pazienti lo stesso approccio terapeutico offerto dai grandi centri, evitando così i cosiddetti “viaggi della speranza”.

La Sindrome di Beckwith-Wiedemann è una sindrome genetica di iperaccrescimento che si manifesta con caratteristiche come peso e lunghezza significativamente aumentate alla nascita, ipoglicemia nel periodo neonatale, macroglossia, difetti della parete addominale, emiipertrofia (iperaccrescimento di una parte del corpo). A questi sono associate diverse patologie come una ipoglicemia non controllata e la possibilità di sviluppare tumori addominali.

L’AIBWS nasce per il mutuo soccorso tra i genitori dei bambini affetti dalla sindrome di Beckwith-Wiedemann, con l’obiettivo di divulgare l’esistenza della sindrome; incrementare le conoscenze su di essa promuovendo e supportando la ricerca, la diagnosi, la cura e i possibili trattamenti delle patologie associate; tutelare le persone affette organizzando, sviluppando e diffondendo un sistema di comunicazione e di informazione tra le famiglie delle persone affette.

La Sindrome di Beckwith-Wiedemann è al centro di un progetto di ricerca coordinato dal professor Andrea Riccio dell’Università Federico II di Napoli.